Seleziona una pagina Menu

Quando decidi di ristrutturare casa è molto facile farsi delle domande come: conviene ristrutturarla? Quanto potrebbe costare? In caso di vendita, conviene ristrutturarla prima o venderla nello stato in cui si trova?

Da dove cominciare quindi? Questa è la domanda chiave da porsi, facciamo però un po’ di ordine. Prima di intraprendere ogni genere d’intervento, da un lato devi conoscere e rispettare l’ordine logico di realizzazione delle opere strutturali, e dall’altro ti occorrerà preparare le eventuali pratiche burocratiche per il tuo progetto.

Per progettazione in una casa da ristrutturare, intendiamo uno studio basato sulle caratteristiche dell’abitazione che nella maggior parte dei casi è datata. Con l’aiuto di questo articolo decidi se ristrutturare è la cosa giusta per la tua situazione. Ecco quindi illustrati di seguito, alcuni punti fondamentali che devi tenere in considerazione per ristrutturare casa in tutta tranquillità.

 

Come ti aiutiamo in fase di ristrutturazione

La fase del colloquio e prime valutazioni

Quando un cliente si rivolge a noi con l’intenzione di ristrutturare un immobile, di norma possiede già la documentazione della casa e i relativi impianti, che ci consegna in fase di colloquio. È di fondamentale importanza comprendere tutti i vantaggi che possono derivare da una ristrutturazione completa di una vecchia casa. Il rinnovo di un interno comporta senza dubbio un investimento economico, ma bisogna considerare che, al termine dei lavori, l’immobile acquista un notevole valore

Questo aspetto è ovviamente fondamentale nel caso di una vendita futura o di un eventuale affitto. Un possibile acquirente che ha davanti una casa nuova e curata, non solo è portato a compiere scelte più rapide ma è anche disposto a sorpassare sul budget. In fase di colloquio con il cliente e dopo aver ascoltato i suoi desideri, facciamo un sopralluogo per visionare l’immobile. Per noi poter fornire un’abitazione piacevole e funzionale in cui vivere, è il primo passo per una vita più serena. Ecco perché il colloquio iniziale è di fondamentale importanza.

Ci accorgiamo spesso che, alcuni clienti vogliono mantenere e abbellire le caratteristiche principali degli ambienti/abitazioni, altri invece “stravolgerli”completamente. Ogni intervento di ristrutturazione è differente: c’è chi preferisce avere cucina e soggiorno separati, chi ama l’open space, chi vuole il bagno in camera e chi invece ne preferisce uno unico molto spazioso. Le possibilità sono molteplici, al contempo suggeriamo delle best practice di carattere generale, che possono funzionare in maniera trasversale per tutti coloro che desiderano ristrutturare una casa datata. Due sono le pratiche da tenere in considerazione:

  • valutare la qualità e lo stato di rivestimenti e pavimenti
  • scelta della tinteggiatura

Vediamo ora nello specifico le due funzioni che ti abbiamo elencato. Nel primo caso, oggi sul mercato con pochi euro al mq, puoi trovare valide alternative di grès porcellanato dai più svariati effetti. Puoi preferire ad esempio, un grès effetto legno in camera da letto o nel soggiorno se vuoi conferire alla casa un’atmosfera calda e accogliente, mentre un grès effetto marmo darà sicuramente un aspetto più elegante. 

Se decidi di ristrutturare una casa antica considera sempre lo stato dei pavimenti, molto spesso sono di valore ed è un peccato non valorizzarli, in questo modo risparmierai e l’effetto sarà assolutamente gradevole. Accanto ai pavimenti, la scelta della tinteggiatura non è cosa da meno, il dilemma è sempre quello di scegliere una tinta neutra o vivace. Il nostro consiglio in questo caso è di optare per un bianco, dal fascino senza tempo e di notevole risparmio. Al contrario, se hai a disposizione un budget cospicuo, dai libero spazio alla creatività e immagina controsoffitti colorati, pareti di diverse cromie di colore, carte da parati o sistemi d’illuminazione in grado di valorizzare le tinte. Ti consigliamo di leggere il nostro articolo sulle pitture per avere utili consigli in fase di tinteggiatura.

Valutazioni tecniche: muri e impianti

Abbiamo detto come avviene già in fase di colloquio una prima valutazione degli spazi da ristrutturare, successivamente studiamo un progetto nel quale non sempre è possibile spostare i muri o gli impianti. Capita quindi che si creino le composizioni d’arredo intorno a ciò che è esistente. Teniamo di nuovo a sottolineare che ogni intervento di ristrutturazione è diverso, pertanto la valutazione deve essere attentamente analizzata caso per caso. Di solito l’immobile da ristrutturare prevede un rifacimento degli impianti o la loro messa a norma. Abbiamo riassunti di seguito i principali:  

  • impianto elettrico (luci, prese, forno, lavatrice ecc.)
  • impianto di comunicazione (TV, internet, domotica)
  • impianto idraulico (tubi, caldaia e sanitari)
  • impianto scarichi rete gas
  • impianto di riscaldamento

Sta a noi in questo momento, in base alle nostre competenze tecniche e quelle dei nostri collaboratori, consigliarti ed assisterti, contestualizzando e arricchendo le possibilità di scelta oltre a fornirti il miglior supporto burocratico, arrivando infine all’aspetto creativo. Devi ristrutturare casa? Contattaci per avere un preventivo, saremo felici di assisterti in tutte le fasi di ristrutturazione della tua nuova vecchia casa.